logo

LUNA DI MIELE A CAPE MAY

L'estate del 1957 è appena finita e i luoghi di villeggiatura sono rimasti deserti. Quando i novelli sposi Henry ed Effie, giovanissimi e impreparati alla vita di coppia, arrivano a Cape May per la loro luna di miele, trovano una cittadina disabitata e noiosa, file di case vittoriane che affacciano su un'immensa distesa di sabbia silenziosa e poco altro. Ma ecco che le finestre di una delle ville s'illuminano, la musica prorompe nell'aria e il vialetto si riempie di auto di lusso. Gli occupanti, sofisticati e promiscui, travolgono la quiete dei due ragazzi e, tra fiumi di gin e nuotate al chiaro di luna, li trascinano in un vortice tragico e sensuale, fatto di desiderio, menzogne e tradimento.

Fine settembre 1957. Freschi di studi e inesperti di ogni forma di convivenza, i novelli sposi Henry ed Effie dalla Georgia rurale arrivano a Cape May, nel New Jersey, dove Effie passava le estati da bambina e dove insieme hanno deciso di trascorrere la luna di miele. Non hanno però tenuto in conto che la stagione balneare si è appena conclusa: trovano infatti ad attenderli una cittadina deserta, con i negozi sprangati, le strade immobili, la spiaggia desolata e silenziosa. Non ancora avvezzi all'intimità della vita di coppia, sono persino tentati di anticipare il rientro a casa ma qualcosa, poco prima di partire, li trattiene: una delle case del quartiere si anima all'improvviso, nel vialetto compaiono auto di lusso, una musica ritmata riempie l'aria. Quando Henry ed Effie decidono di imbucarsi alla festa sono elettrizzati all'idea di poter giocare agli intrusi in un mondo lontano da ogni aspetto della loro realtà; si scoprono invece oggetto delle mire predatorie di un trio di personaggi mondani e del loro ennui. Clara, una vecchia conoscenza di Effie, che dietro la maschera della donna smaliziata nasconde un coacervo di insicurezze; Max, playboy irriducibile nonché amante di Clara; Alma, affascinante e misteriosa sorellastra di Max di cui Henry si invaghisce all'istante. Nel momento in cui i tre sconosciuti entrano in scena, persino la disabitata Cape May cambia volto, trasformandosi nello scenario ideale per scorribande notturne, uscite in barca a vela, appuntamenti clandestini in riva all'oceano. Rappresentanti inconsapevoli dei tranquilized Fifties americani, Henry ed Effie esprimono l'anelito a una forma di emancipazione sessuale che dovrà attendere gli anni Sessanta per trovare compiuta espressione. Luna di miele a Cape May, sospeso tra Cheever e Capote ma carico di un erotismo tutto contemporaneo, è un ritratto spietato e sensuale dei fantasmi che abitano la vita di ogni coppia e indaga il momento sfumato e ambiguo che si dice segni la fine dell'innocenza.

Chip Cheek ha pubblicato racconti su «The Southern Review», «Harvard Review», «Washington Square» e su altre riviste e antologie. È stato selezionato per Bread Loaf Writers' Conference, Tin House Summer Writers' Workshop e Vermont Studio Center, e ha ricevuto l'Emerging Artist Award dalla St. Botolph Club Foundation. Vive a El Segundo, in California, con sua moglie e sua figlia. Luna di miele a Cape May è il suo primo romanzo.

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca sulle nostre privacy policy.