logo

WINE&THECITY, GRAN FINALE CON UN RITUALE MAGICO TRA CORPO, ACQUA E FUOCO

La luna è il tema della Dodicesima edizione di Wine&Thecity, la rassegna napoletana che celebra creatività urbana e buon vino con una staffetta di eventi diffusi sul territorio: la luna come eterna musa di scrittori e poeti, come desiderio di scoperta, emblema della mutevolezza e della femminilità; la luna che nei secoli ha ammaliato filosofi e artisti, sedotto cineasti e interrogato scienziati di tutto il mondo. La luna che da millenni guida i lavori in vigna. La luna come anelito e conquista nell'anno che celebra i 50 anni dallo storico allunaggio della missione di Apollo 11.

Dal 9 al 18 maggio 2019 Wine&Thecity torna dunque a Napoli per offrire dieci giorni di appuntamenti diffusi in città, alla scoperta di luoghi insoliti, poco noti, sia pubblici che privati, promuovendo quell'ebbrezza creativa che è diventato negli anni il claim della rassegna. Il vino incontra l'arte, la poesia, il design, la letteratura, la lirica disegnando inediti itinerari di degustazione in un crossover di appuntamenti che mettono in rete la città creativa.

Per la prima volta il calendario della manifestazione si articolerà in appuntamenti verticali pensati per scandire ogni momento della giornata – dal mattino alla tarda serata – ed offrire esperienze diverse. Non è mai sempre la stessa è il claim che quest'anno accompagna la campagna di comunicazione di Wine&Thecity: un riferimento alla luna certamente che campeggia al centro dell'immagine, ma anche alla rassegna stessa che da dodici anni ha la capacità di rinnovarsi di anno in anno.

Si comincia il 9 maggio con la video installazione site specific "Across the Moon" dell'artista Alessandra Franco in Piazza dei Martiri – una produzione esclusiva di Wine&Thecity aperta a tutta la città - e si prosegue fino al 18 maggio in un crescendo di iniziative ed appuntamenti tutti moon oriented: dal trekking nella Antica Vigna di San Martino per osservare la luna al telescopio con l'astrofisico Gianluca Masi (11 maggio) al reading di poesie di Franco Arminio (10 maggio), alla prima mostra personale dello smart-artist Lys, Apocalyptic moon (il 17 maggio presso Nabi design). Il Gran finale è con la luna piena sabato 18 maggio nella baia di Posillipo, allo storico Bagno Sirena, con una serata che mescola teatro danza, musica, mare, vini e cucina d'autore.

Il 14 maggio sarà l'Osservatorio Inaf di Capodimonte, struttura monumentale di epoca borbonica e istituto di ricerca scientifica, ad aprire le porte a Wine&Thecity per una serata straordinaria tra scienza, stupore e grandi vini. Calici e sommelier anche al Teatro di San Carlo (il 18 maggio mattina) con Opera Wine Lab il progetto ideato e curato da Wine&Thecity e Teatro di San Carlo che per la prima volta combina la conoscenza dell'opera con la cultura del vino in una serie di appuntamenti esperienziali per esplorare i cinque sensi attraverso l'ascolto, il movimento del corpo, la voce, il naso e il palato.

Il 15 maggio Palazzo Petrucci a Posillipo ospiterà l'inedita jam session di pizza con Marzia Buzzanca, Ciro Salvo e Luca Pezzetta: tre fuoriclasse, tre storie diverse, tre scuole di impasto, tutte espressioni della migliore pizza contemporanea.

Tante e provenienti da tutta Italia le cantine vinicole che partecipano a questa XII edizione di Wine&Thecity con una partecipazione eccellente: l'Istituto Trentodoc che porta a Napoli sette annate e riserve introvabili delle bollicine di montagna in una memorabile degustazione allo storico Caffè Gambrinus il 9 maggio.

Anche quest'anno una nutrita pattuglia di chef e pizzaioli partecipa alla rassegna con performance fuori dai soliti luoghi: gli chef Gennaro Esposito Due Stelle Michelin, Luigi Salomone Una Stella Michelin e Lino Scarallo Una Stella Michelin; i pizzaioli Ciro Oliva, Ciro Salvo e Gino Sorbillo e per la prima volta a Wine&Thecity Marzia Buzzanca dall'Aquila e Luca Pezzetta da Roma.

Con questa dodicesima edizione viene inaugurata la sezione "In Viaggio con Wine&Thecity": una nuova iniziativa che nasce con Aeroporto Internazionale di Napoli per conoscere le destinazioni del vino in Italia e in Europa attraverso itinerari esclusivi organizzati da Wine&Thecity in partnership con l'agenzia Chiaia Viaggi. Un progetto per autentici wine-trotter che vede come prima partenza il 20 settembre Bilbao e la Rioja Alavesa: un itinerario di 4 notti e cinque giorni tra architettura contemporanea, spettacolari cantine disegnate da archi-star, degustazioni eccellenti e alta cucina.

Infine Wine&Thecity quest'anno è il primo evento a Napoli a sposare l'iniziativa "Stasera Guida Wetaxi" realizzata con Wetaxi, la piattaforma italiana per chiamare il taxi via app e conoscere in anticipo il prezzo della corsa per una cultura del bere responsabilmente. Chi chiamerà il taxi tramite l'app Wetaxi per raggiungere i luoghi dell'evento e per fare rientro a casa, potrà risparmiare il 20% su tutte le corse pagate in app inserendo il codice WINE&THECITY. Un modo per consentire agli appassionati del buon vino di godersi l'evento in tutta serenità.

Tutto il programma, le cantine e le informazioni per partecipare sono consultabili on line su www.wineandthecity.it

 

 

WINE&THECITY, DONATELLA BERNABO':"CELEBRIAMO LA LUNA IN TUTTI I SUOI ASPETTI"

 

Anche quest'anno torna Wine&TheCity, la manifestazione che mette insieme la passioni per il buon bere e l'arte. Ebbrezza creativa, infatti, è il claim che accompagna questa iniziativa giunta alla 12esima edizione. Il fil rouge che legherà i tanti eventi è la luna. In occasione del prossimo cinquantesimo anniversario della missione dell'Apollo 11, tutti gli appuntamenti ricorderanno il satellite.
A Radio Kiss Kiss Italia c'è Donatella Bernabò Silorata, ideatrice e organizzatrice di Wine&TheCity

Mariasilvia: Buon pomeriggio Donatella

Donatella: buon pomeriggio a voi

M: è tutto pronto per questa dodicesima edizione, siamo ai nastri di partenza

D: siamo in piena fase di luna crescente. Quindi seguiamo le fasi lunari di quest'anno cominciamo, il 9 maggio e termineremo con la luna piena del 18 maggio. Tra l'altro il 2019 è anche l'anno in cui ricorrono i 50 anni dello sbarco della storica missione dell'Apollo 11

M: quindi voi celebrate la luna in tutte le sue declinazioni Ma le fasi lunari quanto sono realmente importanti per il vino?

D: la luna è da sempre sia Musa che guida nei lavori agricoli e ci sono ancora delle aziende vinicole che lavorano secondo i principi dell'agricoltura biodinamica E pertanto la luna continua ad essere osservata, seguita anche dai produttori più contemporaneo. Questo, però, è uno degli aspetti che noi approfondiamo attraverso questa edizione, perché essendo un tema così anche evocativo la luna l'abbiamo declinata in tanti aspetti. Quindi sicuramente legata al mondo vitivinicolo, al mondo agricolo ma anche al mondo della poesia. Faremo degli incontri dedicati alla poesia visto che la luna è da sempre simbolo di mutevolezza del femminile, abbiamo poi un rito finale dedicato alla luna piena che sarà la nostra grande festa finale, così come abbiamo dato spazio ad aziende che hanno in qualche modo nelle loro etichette il nome della luna. Celebriamo un po' la luna vista dagli scrittori, dai registi, dagli artisti in tutte le sue è più interessanti sfaccettature. Apriremo il 9 maggio con una grande video installazione aperta a tutti in piazza dei Martiri dove la luna è protagonista.

M: Wine&TheCity compie anche una svolta dell'architettura, nell'articolazione del programma. Perché cosa succede quest'anno?

D: Abbiamo strutturato il programma in maniera verticale ovvero non ci siamo limitati soltanto al momento dell'aperitivo serale o pomeridiano ma apriamo la nostra rassegna già dalla mattina
Abbiamo infatti i vari appuntamenti addirittura legati alla prima colazione. Lo chiamiamo il buongiorno di Wine&TheCity. Così come abbiamo degli appuntamenti anche a pranzo. Abbiamo anche dei momenti conviviali legati proprio all'ora del pranzo, abbiamo creato quindi una fascia oraria molto più estesa dal mattino alla sera tardi per consentire a un pubblico più ampio di
Partecipare.

M: Wine&TheCity coinvolge anche angoli suggestivi di Napoli. Il programma è molto lungo, molto ricco. Mi colpisce il gran finale del 18 maggio quando c'è la luna piena.

D: Il gran finale lo faremo su una spiaggia di Posillipo ai piedi di Palazzo Donn'Anna. Al Bagno Sirena faremo un grande rito dedicato alla luna piena, ci sarà un evento di teatro danza, un dj set e non dico altro. Per ora il 18 maggio è lontano però è una grande festa finale dedicata alla luna piena

M: Wine&TheCity, dodicesima edizione è una manifestazione presente su tutti i social e su un sito interne. Donatella Bernabo' Silorata.
Grazie e buon lavoro. Cin cin

D: Grazie a voi A

 

RIASCOLTA L'INTERVISTA

 

GENNARO ESPOSITO:" ABBIAMO INVENTATO LA PASTA, NE PARLIAMO OGNI GIORNO MA SIAMO TROPPO DITSRATTI QUANDO LA COMPRIAMO" 

 

Nel loggiato del Bistrot Fondi lunedì 13 maggio alle 12.30  lo chef Gennaro Esposito, Due Stelle Michelin della Torre del Saracino, ed il tecnologo alimentare Gerardo Dalbon racconteranno il Metodo De Cecco e come nasce una delle paste più apprezzate d'Italia e del mondo. Da oltre 130 anni la famiglia De Cecco si tramanda un metodo che è fatto di tradizione, passione e ricerca della qualità senza compromessi: dalla selezione dei migliori grani duri da tutto il mondo, rigorosamente macinati nel molino di proprietà, fino all'essiccazione lenta e a bassa temperatura. La semola fresca, appena macinata, a grana grossa è impastata con l'acqua fredda (meno di 15 gradi) della sorgente De Cecco di Fara San Martino che preserva le caratteristiche organolettiche del grano. La trafilatura al bronzo garantisce una porosità unica. Il risultato è una pasta di qualità superiore. A metà strada tra lezione e cooking show, l'incontro è un'occasione imperdibile per approfondire conoscenza e tecniche di cottura e per scoprire anche la Linea Bio e la gamma Integrale De Cecco. Segue degustazione di pasta accompagnata dai pregiati vini irpini dell'azienda Noluré.

Via Medina, 24

Evento su invito e riservato ai W&TC Card members

 

RIASCOLTA L'INTERVISTA

CIRO OLIVA DI CONCETTINA AI TRE SANTI:" CON LO CHEF LUIGI SALOMONE PROPORREMO UNA MONTANARA CON PARMIGIANA RIVISITATA IN CHIAVE FUSION"

 

Quest'anno Wine&TheCity torna, ancora una volta, al Rione Sanità per sostenere i progetti della Cooperativa la Paranza e quelli della Casa dei Cristallini punto di riferimento per i bambini e le mamme del quartiere,dove tutti i giorni si studia, si gioca, si cresce e ci si confronta: lunedì 13 maggio appuntamento  nella Basilica di Santa Maria della Sanità, luogo simbolo del riscatto e del recupero del Rione per le tante iniziative di Don
Antonio Loffredo. Guidati dai ragazzi de La Paranza visiteremo la chiesa, gioiello barocco, e il suo straordinario ipogeo dove si dipanano le Catacombe di San Gaudioso. La serata proseguirà nel Chiostro con le pizze fritte di Ciro Oliva della pizzeria Concettina ai Tre Santi, due esempio positivo e vincente della rinascita del quartiere. Partecipa anche lo chef stellato Luigi Salomone conuna sua incursione gourmet. La degustazione sarà accompagnata dai vini di Salvatore Martusciello e dalla birra artigianale napoletana KBirr che proprio con i ragazzi della Casa dei Cristallini ha realizzato un progetto di creatività di etichette d'autore. L'incasso della serata sarà interamente destinato alle iniziative del
quartiere.

 

RIASCOLTA L'INTERVISTA

 

WINE&THECITY ALL'OSSERVATORIO DI CAPODIMONTE, L'ASTROFISICO PAOLILLO:"LA MISSIONE APOLLI 11, UN GRANDE MOMENTO PER L'UMANITA'. BRINDEREMO INSIEME"

 

Per la prima volta Wine&Thecity entra negli spazi dell'Osservatorio Astronomico di Capodimonte, la più grande struttura scientifica dell'Istituto Nazionale di AstroFisica, il principale ente italiano per la ricerca astronomica da terra e dallo spazio, presente nel meridione d'Italia.

Voluto da Gioacchino Murat nel 1812 e completato nel 1819 da Ferdinando I di Borbone, l'Osservatorio si erge sulla collina di Miradois e domina dall'alto la città e il golfo. Qui, circa novanta ricercatori studiano il Sole, la formazione delle stelle e degli esopianeti e l'evoluzione delle galassie. La memoria storica dell'Osservatorio è raccolta nel Museo degli Strumenti Astronomici - MuSA - che espone oltre cento strumenti scientifici utilizzati a Napoli nell'Ottocento e volumi pregiati tra cui spicca la prima edizione del De revolutionibus orbium coelestium di Copernico.

Un sito straordinario per celebrare la dodicesima edizione di Wine&Thecity e la Luna in una serata tra scienza, stupore e grandi vini. Cominceremo con la conversazione scientifica "Luna e le altre" di Maurizio Paolillo, astrofisico dell'Università Federico II di Napoli, per poi proseguire con un vis-à-vis con il nostro satellite: osserveremo la Luna da vicino sia con il telescopio da 40 centimetri nella Torre Est, che con quelli installati per l'occasione sulla terrazza monumentale dall'Unione Astrofili Napoletani. L'osservazione della volta celeste sarà accompagnata dalla degustazione dei vini di tre grandi cantine italiane: dalla Toscana i Marchesi Frescobaldi, dalla Puglia Cantine San Marzano e dalla Campania l'irpina La Molara. Tre vini per un viaggio di gusto in tre diversi territori vitivinicoli.

Martedì 14 maggio

In abbinamento piccoli assaggi caldi e freddi, mozzarelle  e  salumi, finale dolcissimo con babà e caffè.

Con i sommelier dell'Ais Napoli e i ragazzi della Bottega dei Semplici Pensieri.

Salita Moiariello, 16

Costo euro 35,00, euro 30,00 per i W&TC Card members

Biglietti circuito www.etes.it

Info e prevendita Tel. 081 681505

RIASCOLTA L'INTERVISTA

 

CIRO SALVO A PALAZZO PETRUCCI :"PIZZA E VINO, L'ABBINAMENTO MIGLIORE" 

 

Una jam session di pizza. Un unico bancone e tre grandi pizzaioli da tre territori diversi per tre modi di fare pizza. Marzia Buzzanca, chef, pizzaiola e sommelier, dall'Aquila con passione, tenacia e tecnica; Luca Pezzetta, trentenne romano, sperimentatore di impasti, con la sua pizza in teglia. Ciro Salvo, il maestro indiscusso dell'impasto, mago della leggerezza, alfiere della pizza verace napoletana. Tre fuoriclasse, tre storie diverse, tutte espressioni della migliore pizza contemporanea. Nella Lounge il Malandrino di Palazzo Petrucci assaggeremo le loro creazioni, tra dialogo, confronto e pura improvvisazione. In scena anche Lino Scarallo chef resident, una stella Michelin con la sua Bloody pizza, la pizza cocktail.

Un dj in consolle segue il ritmo. Nei calici, Armalike, lo charmat di Iura Et Arma, autore di Armablanc metodo classico millesimato da Pinot noir, Blanc e Chardonnay. Un progetto di eccellenza: uve francesi coltivate sulle colline della Valle di Comino in Lazio lavorate da un grande champagnista diventano una prestigiosa bollicina mediterranea. In più i fermi di Abbazia di Crapolla, azienda cult di Vico Equense: in tasting due chicche della Costiera, Poizzo e Sabato, leggerezza e territorio. Ma non solo. Durante la serata esploreremo il binomio pizza&mixology con il resident barman di Palazzo Petrucci Francesco Fontana affiancato per l'occasione dai barman di Compagnia Dei Caraibi: assieme proporranno una drink list creata con le referenze di Rum Diplomatico, in pairing con le creazioni dei tre pizzaioli.

Da un'idea di Wine&Thecity e Palazzo Petrucci.

Via Posillipo, 16C

Costo euro 60,00

Info e prevendita Tel. 081 5757538

 

 

 

RIASCOLTA L'INTERVISTA

 

WINE&THECITY, LUIGI MOIO:"IL MIO QUINTODECIMO HA CINQUE LUNE CHE MI RIPORTANO ALL'UNIVERSO, AI PIANETI, AL SISTEMA SOLARE E DUNQUE AD UNA TENSIONE VERSO LA PERFEZIONE"

 

17 MAGGIO - Spazio Materiae Bulthaup Napoli | ore 19

Paper Moon

Atmosfera vintage con l'allestimento di un photo-booth ispirato alle foto con la luna di carta che negli anni venti spopolavano nelle fiere itineranti. Ai fornelli del sistema Bulthaup il cuoco Mario Avallone di La Stanza del Gusto preparerà live piatti ispirati alla luna. Nei calici i vini di Quintodecimo raccontati da Luigi e Laura Mojo.

Rampe Brancaccio, 5

Ingresso libero

 

RIASCOLTA L'INTERVISTA

 

IL VINO AL TEATRO SAN CARLO, FRANCESCA PECORARO:" TEATRO, MUSICA E DEGUSTAZIONE ACCOMPAGNERANNO I VISITATORI IN UN PERCORSO SENSORIALE"

 

Motivo d'ispirazione per artisti, scrittori e innamorati di tutte le culture del mondo, la luna è un simbolo riconoscibile delle nostre notti insonni e sognanti. Spietata dissennatrice e silenziosa testimone di passioni notturne, Selene è oggetto di terreni desideri quanto meta di nuove frontiere scientifiche. Il nostro satellite, guardandoci dall'alto, influisce sulle maree così come sugli animi.

Lunaria è un viaggio d'ascolto, corpo e voce, attraverso la musica, ispirato al tema della Luna: dalle arie d'opera al rock progressive. A fare da guida i formatori del Teatro di San Carlo che condurranno i partecipanti in un percorso emozionale, guidato e attivo, basato su approcci individuali empatici e su elaborazioni collettive di tipo logico interpretativo.

Il laboratorio sarà anche un percorso di riscoperta dell'energia del Corpo, della sua esattezza comunicativa e della sua intrinseca forza poetica di Corpo teatrale e Corpo danzante. E ancora, un'esplorazione della voce e delle sue potenzialità espressive nel "parlato" e nel "cantato", attraverso tecniche arricchite da elementi di dizione, fonetica e canto.

La conclusione è affidata ai sommelier dell'Ais di Napoli che guideranno il pubblico nella degustazione dei vini del Consorzio di Tutela Vini del Sannio.

Percorso a cura di Christian Iorio, Francesca Pecoraro, Filomena Piccolo.

18 Maggio Salone degli Specchi, Teatro di San Carlo - Via San Carlo, 98/F

Costo euro 20,00

Biglietti su www.teatrosancarlo.it

 

RIASCOLTA L'INTERVISTA

WINE&THECITY, GRAN FINALE CON UN RITUALE MAGICO TRA CORPO, ACQUA E FUOCO

 

Sabato 18 maggio, dalle 19.30, la spiaggia dello storico Bagno Sirena in via Posillipo accoglie il Gran Finale di Wine&Thecity: un rito, una performance, una festa dedicata alla luna piena. Esbat è la performance site specific scritta e diretta da Ciro Sabatino per l'occasione: un'azione d'arte e teatro che coinvolge due compagnie teatrali napoletane – Skaramacay Art Factory e Teatri di Seta – e trenta tra performer e danzatrici con le coreografie di Erminia Sticchi e il coordinamento attoriale di Pina di Gennaro. Un rito, una danza, una festa di corpi che si muoveranno ad un passo dal mare, danzando con e per la luna, come facevano le streghe tanto tempo fa. A fare da quinta e da scena la mole tufacea di Palazzo Donn'Anna e il mare con il Vesuvio e l'isola di Capri all'orizzonte.

In consolle Dj Cerchietto con "The Bright Side of... La Luna" una lunga play list di brani dedicati alla luna scritti o interpretati nei secoli da celebri artisti da Beethoven a Mina, dai Police a Frank Sinatra, da Gianni Togni alla mitica "E la luna bussò" di Loredana Bertè, con incursioni inevitabili nella Canzone Napoletana, da "Luna Rossa", in una versione appassionata di Massimo Ranieri, fino alla dolcissima "Luna Caprese" in omaggio ad uno dei protagonisti di questa edizione 2019 di W&TC, Peppino di Capri. Il dj set seguirà l'andamento lento della luna verso nuove sonorità e beat lounge/electronics per far ballare tutti a piedi nudi sulla spiaggia.

Nei calici i vini di tre aziende che sono espressione di tre territori diversi raccontati dai sommelier dell'Ais Napoli: dalle Marche Ciù Ciù, dalla Sicilia Feudo Luparello e dalla Campania Cantine Federiciane in abbinamento alla cucina di mare dello chef Ugo Stella di Bagno Sirena che sarà affiancato da alcuni grandi protagonisti della scena gastronomica locale: Gino Sorbillo con le sue pizze fritte e 12 Morsi con i mini bun gourmet. Ed ancora in degustazione le selezioni di salumi di Maialumeria di Mugnano del Cardinale, le mozzarelle di bufala di Mandara e i pani del panificio Antonio Rescigno. Il finale è sempre dolce con le sfogliatelle di Cuori di Sfogliatella e il caffè Kimbo. E con la partecipazione del Club Amici del Toscano per un tasting di sigari di tradizione italiana.

Esbat

"Esbat è il rito della rinascita. Il canto ad ogni nuovo inizio. La danza per ricominciare. La preghiera blasfema che non ha speranze straccione, ma testa alta, e nessun Dio cui inginocchiarsi. Esbat è orgoglio e determinazione, orizzonti aperti e mare. La Notte illuminata dalla Luna. L'Ultimo atto, prima della rivincita. Parole, racconti, ricordi, ad un passo dall'Alba. Roba da streghe, insomma. Roba da donne. Tanto per intenderci. Lo abbiamo ritrovato nelle vecchie soffitte della nostra infanzia, negli antichi libri della nostra fantasia. E lo abbiamo riportato in vecchio teatro che non c'è, perché potessero essere dei guitti, a restituirgli la forza originaria. Oggi Esbat è una danza. Un incantesimo di corpi e movimento, una poesia di passi sulla spiaggia. Lo metteranno in scena trenta danzatrici. Performer che per un po' di mesi hanno lavorato ad un progetto che puntava proprio al recupero degli antichi riti della Luna Piena. I Sabba sulla Rinascita, le danze dei 28 giorni. A caccia di una fine, e di un nuovo inizio" Ciro Sabatino.

Lo spettacolo e le compagnie:

Il Progetto è diviso in due segmenti. Un'intoduzione al rito curata da Teatri di Seta e il Rito della Luna Piena affidato alla regia di Erminia Sticchi di Scaramakay.

TEATRI DI SETA è la compagnia teatrale multietnica stabile fondata da sei donne, che lavora nel quartiere Forcella, a Napoli, nella struttura dedicata ad Annalisa Durante. È attiva sul territorio nazionale dal 2010. Si occupa dei temi del femminile, dell'inclusione sociale e dell'incontro fra i popoli con interventi, workshop, spettacoli e performance che coinvolgono italiani e stranieri di prima e seconda generazione, oltre che attori e performer professionisti (www.teatridiseta.it). Per Wine&Thecity presenta Esbat bateau personne con Ussumane Balde, Boiro Boubacar, Armando Castellano, Rosamaria Ceglia, Igor Djiki, Keita Djiba Karifala, Grazia Famiglietti, Leoluca Inverso, Aleksandra Khurana, Lourdes Ramirez, Onofrio Ruffini, Fabio Schiattarella, Alisa Sokova e con la partecipazione straordinaria di Benjamin Logfo, direzione di Marina Cavaliere, Pina di Gennaro e Serena Lauro.

SKARAMACAY è la compagnia teatrale che nasce nel 2005 da un'idea di Erminia Sticchi, performer, danzatrice e coreografa in Italia e all'estero, sempre alla ricerca di nuove forme di espressione attraverso il corpo come maggiore veicolo di comunicazione. Skaramacay è un Art Factory multietnica per la diffusione della cultura comprendente artisti di vario genere e di varie nazionalità, dove tutte le discipline si mescolano e si fondono tra loro generando nuove forme di espressione per una diffusione più ampia e profonda. La compagnia si propone di analizzare le problematiche sociali veicolandole tramite rappresentazioni artistiche ad alto impatto visivo ed emotivo. Ciò ha permesso alla Compagnia di essere uno dei maggiori esponenti di messaggi sulla Legalità in Italia e di esportare le proprie idee anche all'estero, con tournee di successo a Parigi, in Giordania, Craiova, Praga, ricevendo anche vari riconoscimenti e premi.
(http://www.skaramacay.com ). In scena per Wine&Thecity Imma Tammaro, Annalisa Pistone, Amina Arena, Marica Cimmino, Chiara Celotto, Claudia Curti, Francesca Mirante, Anna Cammisa, Michela Maraniello. Con la partecipazione di Associazione LADANSE.

Dall'incontro di Skaramacay Art Factory e Teatri di Seta nasce per Wine&Thecity il progetto Esbat scritto e diretto da Ciro Sabatino: un rito/spettacolo che celebra il plenilunio di maggio, una danza che mescola temi sociali e orgoglio. Un viaggio verso il mare, fatto di bellezza e poesia, di musica e danza, per non arrendersi mai.

Perché Esbat

Nei rituali antichi di magia Wicca ci sono i Sabbat, feste sacre che hanno date fisse, ma ci sono anche gli Esbat, legati al ciclo della luna piena, la Dea Madre che, nel culto Wicca, non è mai nata e non muore mai, ma cambia sempre faccia nel suo triplice aspetta di vergine, madre e anziana. Gli Esbat sono riti antichi, per celebrarli basta una candela, acqua e fuoco, simboli che si rincorrono nella vita e nelle celebrazioni. In un cerchio tracciato sul terreno, ci si dedica alla Dea e ci si immerge nella sua luce notturna, in modo da essere imbevuti della sua energia. Rito al femminile come femmina è la Luna, un rituale magico tra corpo, acqua e fuoco.

Via Posillipo, 357

Ingresso: euro 40,00 - euro 35,00 per i W&TC Card Members

Info e prevendita Tel. 081.681505 – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Con un costo supplementare di euro 10,00 è possibile prenotare l'escursione in Kayak con Kayak Napoli

Info e prenotazioni: 347 6140635

 

RIASCOLTA L'INTERVISTA

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca sulle nostre privacy policy.