logo

CALLEJON: "SONO FELICE PER LA CONVOCAZIONE, NAPOLI SQUADRA FORTE, SAPPIAMO DI DOVER RESTARE PRIMI"

 

Jose Maria Callejon, esterno offensivo del Napoli, ha rilasciato una lunga intervista esclusiva ai microfoni della nostra redazione:

"Convocazione? E' un bel momento, per me e la mia famiglia. Intesa con Mertens ed Insigne? Stiamo facendo molto bene, stiamo segnando tanto. Con il Feyenoord sono arrivati i primi tre punti del girone, era importante vincere dopo la sconfitta con lo Shakhtar. Subire quel gol alla fine ha fatto molto arrabbiare il mister, ha ragione. Segniamo tanto ma non subirlo sarebbe meglio, anche per Pepe (Reina, ndr). Lui è importantissimo per noi, è il nostro leader, un uomo spogliatoio. Ci dà tanto, a noi veterani ed ai giovani. Lo vorrei sempre nel mio spogliatoio. Infortunio Milik? E' un ragazzo umile che lavora tanto, è giovane ed avrà il tempo di rifarsi. Io falso nueve? Io sono sempre pronto, se il mister vorrà io giocherò in quella posizione. Dopo l'infortunio di Arek dovremmo dare tutti un pò di più. Perchè sono sempre al top? E' una carriera che dura molto poco quella del calciatore, quindi penso che ogni giorno bisogna lavorare bene e dare sempre il massimo. Anche nei giorni in cui magari ho qualche dolorino, provo a superarlo. Cagliari? Scenderemo in campo come sappiamo, facendo il nostro gioco. Portare i tre punti a casa sarà importante. Giocare ad ora di pranzo è diverso dalle altre volte, fa sempre molto caldo, dobbiamo mangiare molto presto e le gambe non sempre sono brillantissime. Intesa con Insigne? Mi trovo molto bene, in campo è un calciatore top. Speriamo di fare tanti gol insieme, come li facciamo sempre. Primo posto? E' difficile stare lassù ma siamo una squadra forte e sentiamo l'obbligo di doverci stare. Per lo scudetto ancora manca moltissimo, il campionato è appena iniziato. Dobbiamo lavorare tutti benissimo al 100%. Var? Potrebbero esserci meno polemiche, per gli arbitri può essere un aiuto molto importante. Più spensierati dopo l'addio di Higuain? Anche con lui tutti noi giocavamo bene, non penso sia cambiato molto. Sono felice di stare qui, in questa squadra ed in questa città. Inchino come esultanza? Noi giochiamo per la gente, per i tifosi che ci vengono a vedere".

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca sulle nostre privacy policy.