logo

FRITTO MISTO

 

Panzarotti di patate (Crocchette di patate)
La spesa:
Gr 500 di patate già lesse
Nr 1 uovo intero
Gr 150 parmigiano reggiano
Gr 35 sale fino
Una spolverata di pepe nero
Prezzemolo trito
Gr 200 mozzarella
Per la panatura:
Farina
Uova
Pane grattugiato
La lavorazione:
Devi far cuocere la patate con tutta la buccia, arrivate al punto giusto di cottura cerca, anche se ancora cocenti, di togliere la buccia e di schiacciarle con lo schiacciapatate.
Facendo in questo modo la patata ancora bollente farà evaporare una buona percentuale di acqua.
Fai cadere nella patata schiacciata l'uovo, il sale fino, il parmigiano grattugiato, il pepe, il prezzemolo e impasta tutto.
Tra le mani metti il quantitativo di patate impastate che ritieni giusto per fare il tuo panzarotto, taglia un pezzettino di mozzarella e mettilo al centro, chiudi intorno la patata lavorata e panalo passandolo in questo ordine cronologico: Prima leggermente nella farina, poi nell'uovo sbattuto e salato e poi nel pane grattugiato.
Friggi in olio ad una temperatura di 160° – 170°

Zeppoline di pasta cresciute
La spesa: :
Gr 600 farina
Dl 5 Acqua
Gr 20 sale fino
Gr 10 lievito (se le fai in estate mattine gr 5)
La lavorazione:
Devi impastare tutto con le mani e sbatterlo, aspetta che lieviti e friggi. (nei ristoranti partenopei quelli più tradizionali, queste zeppoline le servono come aperitivi o stuzzichini).
Scagnozzi fritti
La spesa:Lt 2 Acqua
Gr 500 farina di mais
Sale fino
Pepe nero macinato
Formaggio pecorino
La lavorazione:
Riscalda l'acqua con sale e pepe, prima che cominci a bollire onde evitare il formarsi di grumi versa la farina di mais girando con un cucchiaio di legno continuamente, fai cuocere per 10 minuti facendo ben assorbire l'acqua e allo stesso tempo cuocendo la farina.
A cottura ultimata, falla scivolare in una placca e condiscila con il formaggio pecorino, stendi la polenta con uno spessore di circa mezzo cm, taglia dei triangolino e friggi in olio bollente.
Note: Qualcuno arricchisce gli scagnozzielli con salame napoletano, altri con cicoli, in realtà regole ben precise non ci sono, solitamente si consumano scarti o avanzi di formaggi e salumi.

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca sulle nostre privacy policy.