logo

BONUS VERDE, BENEDETTO DEL WWF:"BENE PER AEREE VERDI, BELLEZZA E SOCIALITA'"

 

Città sempre più verdi, ecco l'obiettivo del bonus green inserito nella legge di Stabilità. Cosa prevede questa novità? Detrazione del 36% delle spese sostenute in dieci anni. Tutti possono usufruirne, sia privati che condomini, che abbiano un progetto di risistemazione o organizzazione di aeree verdi, anche giardini. Il tutto nel rispetto della qualità dell'aria e della biodiversità.
Al Treno delle 8 è intervenuto Gaetano Benedetto, direttore generale del WWF.
"Noi quando vediamo il cosiddetto verde urbano degli alberi, delle siepi sappiamo così come ci hanno insegnato a scuola che quella pianta fa lo scambio di anidride carbonica con l'ossigeno. In realtà quella pianta fa molto di più perché, ad esempio, trattiene le polveri. Basta passare una foglia su un fazzoletto bianco e vediamo che quel fazzoletto diventa grigio. Quelle polveri sarebbero in aria se non ci fosse quella pianta.
Moltiplicate quella foglia per tutte quelle che ci sono su un albero e capirete bene che carta assorbente abbiamo nella città. Inoltre modificano il microclima, una zona verde rende più fresco nei periodi estivi il clima e riesce anche a mitigare le temperature d'inverno. E, cosa da non trascurare, visto che non siamo i padroni del mondo, il verde in città ospita i nostri amici animali, uccelli, microfauna e quant'altro.
Non c'è dubbio che le città italiane abbiano una carenza di verde, anche le città molto verdi come Roma o Milano, hanno poi nella ripartizione per abitante una percentuale che non è ottimale. 15 abitanti per metro quadro a Roma, 17 a Milano. Ora qui si aprirebbe un discorso molto complicato su quella che è la qualità del verde, di estendere servizi verdi , trasformare il verde in infrastrutture di biodiversità . Quello che è importante dire che quando si parla di aeree verdi nelle città, c'è una sommatoria di fattori che è data da ville storiche, dai giardini anche, dagli orti urbani, dalle aeree agricole che sono sopravvissute, dagli spazi vuoti addirittura. Ma soprattutto da quello che i cittadini possono fare: terrazze, balconi, rifacimenti delle coperture del verde ed è un po' questo il campo di intervento su cui si interviene con incentivi finanziari della manovra finanziaria attualmente in corso, portando una detrazione fiscale possibile fino al 36% per coloro che vogliono fare interventi sul proprio terrazzo, rifacimenti del proprio giardino o anche quelli condominiali.
Ci pare un buon segnale che coglie l'attenzione su una cosa importante. Se poi pensiamo che questo segnale si aggiunge anche all'eco bonus confermato dalla manovra di quest'anno – per intenderci l'eco bonus dà la possibilità di detrazione del 50/60 per cento per gli interventi legati al clima e il rifacimento delle serrande, delle finestre, delle caldaie di vecchia generazione – insomma un segno positivo in questa manovra.
Ma vogliamo parlare anche di bellezza? Quando andiamo in giro per le città, la festa del balcone fiorito, per esempio, questi elementi possono diventare la quotidianità. Tutto sommato, al di là dei vantaggi infiniti che si traducono in benessere per chi vive le città, c'è un effetto di mitigazione del cemento che il verde produce e la creazione di spazi dove si ricrea un elemento di socialità. E questi elementi valoriali non sono secondari rispetto a politiche di verde urbano sperando che anche in questo momento di carenze economiche dei comuni, si trovino formule come l'affidamento di spazi di verde a privati o associazioni o comunità locali. Tutto questo produce anche un senso di appartenenza o comunque di affezione a curare il giardino sotto casa o rendere fruibile una piccola area verde che sta in un quartiere"

RIASCOLTA L'INTERVISTA

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca sulle nostre privacy policy.