logo

ALLARME DELL’IRCCS DI POZZILLI (IS): "CON LA CRISI LA DIETA MEDITERRANEA E’ UN LUSSO"

La dieta mediterranea diventa un lusso per pochi. E nei carrelli dei meno abbienti abbondano sempre più cibi di scarsa qualità. Alimentazioni diverse che nascondono un divario di 'classe' con ricadute negative sulla salute: una cattiva dieta aumenta le patologie e le spese a carico del Sistema sanitario nazionale. E miete 'vittime' tra le persone con minori disponibilità economiche.

L'allarme arriva dai ricercatori del Dipartimento di epidemiologia e prevenzione dell'Irccs di Pozzilli (Isernia), guidati da Giovanni de Gaetano, ospite di Paolo Sergio a La Radiosveglia su radio Kiss Kiss Italia.

"Da dieci anni – afferma De Gaetano - assistiamo a un progressivo abbandono da parte degli italiani della dieta mediterranea, soprattutto nel Sud Italia, dove è nata".

"Un paradosso. Abbiamo ragione di credere - aggiunge - che la crisi economica possa aver contributo all'allontanamento da questo modello alimentare, soprattutto da parte dei ceti meno abbienti. Oggi mangiare frutta, verdura e pesce per una famiglia di quattro persone è un impegno economico non indifferente".

Nonostante la dieta mediterranea risulti essere la migliore con le sue 5 porzioni quotidiane di frutta e verdura, il consumo bisettimanale di pesce e la riduzione di grassi animali e carne, nel 2007 appena il 19% della popolazione
la seguiva, contro il 34% del 2005. "La dieta mediterranea è un modo di vivere e di alimentarsi, di rapportarsi con le stagioni e con la varietà del cibo - osserva De Gaetano - Essa non proibisce nulla, purché si rispetti la moderazione. Frutta e verdura abbondanti sono alla base della piramide, carni e dolci al top della piramide stessa, ma la domenica e nelle feste comandate possono essere consumati anch'essi".

Il rispetto di una dieta mediterranea "non esclude la carne però ne consiglia un uso moderato, quindi - sottolinea
ancora De Gaetano - sostituire le proteine animali con le proteine vegetali, soprattutto con i legumi, è molto
utile. E' una tradizione molto praticata abbinare i legumi con la pasta, con il riso, una combinazione di nutrienti molto utile".

RIASCOLTA L'INTERVISTA

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca sulle nostre privacy policy.